mormon.org Italia

Ciao, mi chiamo Paul Sleem

  • Paul Sleem
  • Paul Sleem
  • Paul Sleem
  • Paul Sleem
  • Paul Sleem
  • Paul Sleem
  • Paul Sleem
  • Paul Sleem

Chi sono

Sono un oratore motivazionale e un grande sostenitore della lettura. Collaboro con le scuole per promuovere quanto sia importante leggere, apprendere ed essere gentili e rispettosi nei confronti degli altri. Sono un conduttore professionista coinvolto in spettacoli, eventi radiofonici e televisivi. Ho lavorato in paesi di tutto il mondo: a Monaco, in Norvegia, a Taiwan, in Svezia, in Scozia, ad Abu Dhabi, in Germania, in Irlanda e in America, per nominarne alcuni. Da dodici anni sono un sostenitore della fondazione When You Wish Upon A Star. “Nel mio ruolo di padre di famiglia, capisco l’importanza di educare e guidare le giovani menti. Le cose più gratificanti della vita sono… vivere, amare, imparare e lasciare un retaggio”.

Perché sono mormone

Sono cresciuto in una famiglia cristiana solo con mia madre. Sapevo di avere un Padre Celeste che mi amava e capivo il potere della preghiera. Tuttavia, sono diventato membro della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni solo quando ho incontrato una coppia missionaria senior (Pauline e Lloyd). Dopo sei mesi di AMORE e GENTILEZZA genuini da parte di queste due persone speciali, ho chiesto a Lloyd di battezzarmi. Nella mia vita sono accadute così tante cose che mi hanno provato la veridicità di questa chiesa: l’aver sposato mia moglie che condivide il mio stesso credo, i miei tre figli meravigliosi che sono suggellati a me e a mia moglie per tutta l’eternità. So che questo Vangelo è vero e a volte noi essere umani commettiamo degli errori, ma il nostro Padre Celeste conosce le nostre debolezze e sarà sempre al nostro fianco. Sapere tutto questo mi fa desiderare di essere ancora più simile a Cristo e di condividere la mia testimonianza con i miei familiari, con i miei amici e con chiunque altro. Prima, però, cerco di metterla in atto nella mia vita. Tutti qui sulla terra hanno un tesoro che li aspetta con questo Vangelo.

Come vivo la mia fede

Prima di tutto, cerco di vivere la mia fede nella quotidianità della vita semplicemente facendo del mio meglio per diventare più simile a Cristo. In chiesa ho l’incarico o la responsabilità di collaborare con i giovani della nostra congregazione. Ogni mercoledì sera ci incontriamo per fare delle attività che aiutino i giovani a sviluppare nuovi talenti e a organizzare atti di servizio nella comunità. Lo scopo di questo incarico è quello di incoraggiare i giovani ad avere voce in capitolo e a esprimere se stessi in modo positivo, e a imparare cose nuove mentre si divertono.