mormon.org Italia

Ciao, mi chiamo 吉岡萌恵 (Moe)

  • Moe Yoshioka
  • Moe Yoshioka
  • Moe Yoshioka
  • Moe Yoshioka
  • Moe Yoshioka
  • Moe Yoshioka
  • Moe Yoshioka
  • Moe Yoshioka

Chi sono

Poiché i miei genitori erano membri della Chiesa, andavo in chiesa ogni domenica sin da quando ero molto piccola. Vivevo la mia vita imparando gli insegnamenti di Dio. Amavo ascoltare i miei genitori mentre mi raccontavano le storie su Dio. Di conseguenza, credevo in Dio e obbedivo automaticamente ai Suoi insegnamenti. Diventata adolescente, piano piano iniziai ad avere dubbi sugli insegnamenti e le idee che avevo ritenuto essere l’ordine naturale delle cose fino a quel punto. Pregai innumerevoli volte per ricevere una risposta in merito alla veridicità di questa Chiesa e dei suoi insegnamenti. Non ricevetti una risposta chiara — sentii soltanto una specie di sensazione di calore nel cuore che non riuscii a comprendere. Durante il mio ultimo anno di superiori ero concentrata sul mio futuro e ogni giorno studiavo sodo per poter superare l’esame di ammissione all’università che desideravo frequentare. In quel periodo gli insegnamenti di Dio furono un sostegno importante per me. Studiare per gli esami di ammissione all’università fu allora un grande prova, ma proprio durante quel periodo vidi molti miracoli. Ricevetti veramente molte benedizioni. Anche se dico così, non significa che tutto è andato come avrei voluto.

Perché sono mormone

Poiché i miei genitori erano membri della Chiesa, andavo in chiesa ogni domenica sin da quando ero molto piccola. Vivevo la mia vita imparando gli insegnamenti di Dio. Amavo ascoltare i miei genitori mentre mi raccontavano le storie su Dio. Di conseguenza, credevo in Dio e obbedivo automaticamente ai Suoi insegnamenti. Diventata adolescente, piano piano iniziai ad avere dubbi sugli insegnamenti e le idee che avevo ritenuto essere l’ordine naturale delle cose fino a quel punto. Pregai innumerevoli volte per ricevere una risposta in merito alla veridicità di questa Chiesa e dei suoi insegnamenti. Non ricevetti una risposta chiara — sentii soltanto una specie di sensazione di calore nel cuore che non riuscii a comprendere. Durante il mio ultimo anno di superiori ero concentrata sul mio futuro e ogni giorno studiavo sodo per poter superare l’esame di ammissione all’università che desideravo frequentare. In quel periodo gli insegnamenti di Dio furono un sostegno importante per me. Ogni giorno parlavo a Dio dei miei pensieri, dei miei sentimenti e delle mie preoccupazioni. Durante le mie pause dallo studio, leggevo le Scritture. Farlo mi aiutò a ricevere le risposte che volevo, a sapere come risolvere i problemi e diventò anche un conforto per la mia anima. Persino nel bel mezzo di situazioni difficili, riuscivo a provare gratitudine. Studiare per gli esami di ammissione all’università fu allora un grande prova, ma proprio durante quel periodo vidi molti miracoli. Ricevetti veramente molte benedizioni. Questo però non significa che tutto è andato come avrei voluto. Tuttavia, ora comprendo che Dio mi ha preparata per ricevere benedizioni persino maggiori di quelle che avevo desiderato. Penso che situazioni che avevo ritenuto miracolose non erano tanto miracoli quanto, piuttosto, eventi necessari che Dio aveva pianificato per il mio bene. Dio ama tutti e credo che Egli abbia preparato un migliore percorso di felicità per ciascuno di noi.

Storie personali

Ti invitiamo a spiegare il ruolo che la preghiera ha nella tua vita.

Penso alla preghiera come a un’opportunità che una persona ha di parlare con Dio. Proprio come quando si impara a conoscere un'altra persona e si approfondisce tale rapporto tramite la comunicazione, credo che sia lo stesso quando si comunica con Dio tramite la preghiera: più si prega, più profondo diventa il legame con Dio. Parlando a Dio dei miei pensieri e dei miei sentimenti, ricevo da Lui l’aiuto di cui ho bisogno in quel momento. A volte ti senti confortato, altre volte sai senza ombra di dubbio che Egli ha ascoltato le tue suppliche, altre volte ancora può capitarti addirittura di non sentire assolutamente nulla. Varieranno le situazioni e ci sono anche molti modi in cui farlo, ma Dio ascolterà certamente le nostre preghiere. Tramite la preghiera puoi sentire sempre la presenza di Dio al tuo fianco e questo può darti coraggio.

Come vivo la mia fede

Nella Chiesa servo come rappresentante di un gruppo di adulti non sposati che hanno più di 18 anni. Desidero fare del mio meglio in questo incarico per permettere agli adulti non sposati del mio rione di diventare amici, di divertirsi insieme e di crescere ulteriormente. Gli adulti non sposati che frequentano la mia chiesa spesso organizzano attività durante le quali fanno del volontariato. Lavorare come volontaria nella regione di Tohoku, devastata dal terremoto, mi ha insegnato quanta gioia nasca dal servire gli altri e quanto questo rallegri una persona — a un punto tale che è difficile da credere.