mormon.org Italia
Cristian Morelli: firenze, new york, musica, studente, politica, sport, Mormone.

Ciao, mi chiamo Cristian Morelli

Chi sono

Io amo la musica, è da sempre parte di me. Suono il basso elettrico e il pianoforte, ma mi piace dilettarmi anche nella musica elettronica e quindi fare il DJ. Amo lo sport, specie il nuoto, il basket e il ciclismo. Sono uno studente dell'Università di Firenze alla facoltà di Scienze Politiche - Studi Internazionali, e punto un giorno a lavorare come diplomatico per le Nazioni Unite. Ho servito una missione volontaria di due anni per la chiesa nella città di New York (2010-2012) ed è stata l'esperienza più incredibile della mia vita; ho servito nella missione di New York South. Sono il maggiore di 3 figli (ho un fratello e una sorella).

Perché sono mormone

Sono nato con i valori e gli insegnamenti di questa chiesa. Sono mormone non solo perché lo sono anche i miei genitori, come del resto gran parte della mia famiglia estesa, ma perché attraverso l'obbedienza agli insegnamenti ricevuti ho capito per me stesso che questa è la vera chiesa di Gesù Cristo sulla terra. La Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni è la sola chiesa che detiene le vere chiavi del Sacerdozio ed è l'unica ad essere guidata dal Signore stesso, poiché è lui che l'ha istituita durante la sua vita mortale e grazie al profeta Joseph Smith, è stata riportata intatta sulla terra. Ogni principio evangelico, ogni componente strutturale della chiesa, è stato restaurato proprio per garantire all'umanità l'esistenza negli ultimi giorni della chiesa istituita dal nostro Signore.

Storie personali

Puoi parlare delle missioni della Chiesa e del tuo coinvolgimento in esse?

Ho servito quale missionario nella splendida e incredibile città di New York. New York è uno di quei posti che non scorderesti mai: iper attiva, multi-culturale… Tutto quello che pensi o vuoi si trova lì. Servire come missionario è stata l'esperienza più incredibile e felice della mia vita. Il nostro scopo era di invitare le persone a venire a Cristo, aiutandole a capire gli insegnamenti del Suo vangelo e aiutarli ad avvicinarsi a Lui attraverso delle alleanze, a partire dal battesimo per immersione. La durata del nostro servizio era di due anni e io sono stato là tra il 2010 e il 2012. Ho potuto conoscere tante persone diverse, di tante nazionalità diverse, di tantissime culture e religioni diverse, ma soprattutto ho imparato a conoscere il mio Salvatore con più profondità a livello personale e poter condividere la mia gioia nel vivere il Vangelo con gli altri, anche se ci rifiutavano o insultavano, ha reso la mia esperienza gli anni più belli e felici della mia vita. Può sembrare assurdo o strano per molti, ma il bello del Vangelo è proprio questo: saper affrontare i momenti brutti e tristi della vita con un sorriso, con la consapevolezza che Dio ci guarda e non ci lascia mai da soli.

Come vivo la mia fede

La vivo attraverso il mio impegno quotidiano negli incarichi che svolgo per la mia unità ecclesiastica, qui nella mia città. Cerco sempre di essere un esempio per i miei amici. È una sfida quotidiana e non è sempre semplice. Uno impara a conoscere i tempi di Dio, che non sono i nostri, ma quando i risultati del tuo buon lavoro arrivano, è sempre un momento di gioia inimmaginabile.