mormon.org Italia
Samuele: studente, fumetti, pisa, taranto, calcetto, famiglia, Mormone.

Ciao, mi chiamo Samuele

Chi sono

Sono il primogenito di quattro figli, la mia famiglia vuol dire tutto per me. Sto studiando ingegneria chimica all'università, amo la scienza e amo imparare. In particolare mi piace leggere. Vado matto per fumetti e cartoni animati, sono la forma d'arte che preferisco. Adoro tenermi in forma con lo sport, giocare con gli amici a calcetto, basket, beach volley, qualsiasi cosa faccia sudare e pompare sangue nelle vene per me è l'ideale. Anche rilassarsi sul divano guardandosi un film non è per niente male, sono un appassionato del buon cinema. Vivo la mia vita in modo semplice, mi piace prendere le cose con filosofia. In particolare il Vangelo è ciò che mi dà la giusta prospettiva e determinazione per andare avanti col sorriso.

Perché sono mormone

Sono un membro della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni perché ho pregato. Quand'ero adolescente non ero più sicuro che Dio esistesse, perciò ho provato a vivere la mia vita in modo diverso, ma questo non mi ha portato gioia come pensavo; al contrario, mi ha scoraggiato. Quando ho di nuovo trovato la volontà di scoprire se Lui fosse reale, mi sono inginocchiato e gliel'ho chiesto, con tutto il cuore volevo sapere. Io so che Lui mi ha risposto. Mi ha aiutato a ricordarmi ciò che avevo sempre saputo e in me è tornato il desiderio di vivere il Vangelo. Ho continuato a ricevere risposte su risposte; attraverso la preghiera in me è cresciuta la convinzione personale che il Libro di Mormon è un altro testamento di Gesù Cristo e che la Chiesa è stata restaurata tramite Joseph Smith. Grazie al Vangelo so con sicurezza che la mia famiglia può essere unita per l'eternità, oltre la morte. Avere queste certezze per me conta più di qualsiasi altra cosa. Perciò sono mormone.

Come vivo la mia fede

Andare in Chiesa è importante per me, mi alzo presto ogni domenica mattina per andare alle riunioni e ricevere gli insegnamenti del Vangelo. Ma ancora più importante è cercare di mettere in pratica tutto ciò che sento al di fuori delle mura della cappella. Per me vivere la mia fede significa avere un rapporto personale con Dio, significa pregargli spesso e farlo col cuore, significa studiare le Scritture spesso ed a fondo, significa imitare Suo Figlio Gesù Cristo in tutto ciò che faccio. Non sempre ci riesco, anzi molto spesso sbaglio ma so di poter tornare sui miei passi e cambiare, migliorare me stesso e riprovarci; è questo il Vangelo. Io non bevo, non fumo e non mi drogo; anche questo per me significa vivere la mia fede, avere rispetto del mio corpo. Condivido quello che so riguardo a Dio, faccio quello che posso per invitare gli altri a conoscerlo individualmente e personalmente. Diffondere il Vangelo, anche questo per me significa vivere la mia fede.