mormon.org Italia
Shane Mickelsen: shane, mickelsen, musica, missionario, utah, napoli, Mormone.

Ciao, mi chiamo Shane Mickelsen

Chi sono

Ciao, sono Shane! Impartisco lezioni di canto, e di composizione musicale. Ho studiato opera lirica all'università e mi sono laureato in 2010. Ho servito una missione per la Chiesa nella Missione Italiana di Roma. Amo l'Italia, e faccio tesoro delle mie esperienze fatte lì. Mi piace cucinare. Il mio piatto preferito sono le lasagne.... e mi piace assai la cucina pugliese! Ora faccio l'insegnante di musica a una piccola scuola privata. Voglio bene a tutti, e so che Dio vuole bene a tutti.

Perché sono mormone

Sono mormone perché Dio mi ha fatto capire quanto mi vuole bene, e quanto vuole che io lo segua. Ogni volta che mi apro il cuore in preghiera, Dio mi fa capire che sto facendo la cosa guista. Quando leggo il Libro di Mormon, Egli mi fa capire che quelle parole mi sono giunte direttamente da Lui. Quando vado in Chiesa mi riempie del suo Santo Spirito. Quando mi sforzo di fare come vuole Lui, mi sento illuminato al punto tale da non poter negare questi sentimenti. So che Dio guida i nostri passi quando glielo permettiamo. In poche parole, sono mormone perché ho chiesto a Dio se gli insegnamenti di questa chiesa sono veritieri. Attesto che lo sono.

Storie personali

Ti invitiamo a condividere i tuoi sentimenti/la tua testimonianza su Joseph Smith.

Joseph Smith era un uomo normale che amava Dio e voleva fare le cose giuste. Era Cristiano. I suoi genitori frequentavano diverse chiese nonostante credessero nello stesso Dio e nello stesso Gesù. Joseph, però, si chiedeva a quale delle diverse religioni cristiane si dovesse unire. Si chiedeva perché le dottrine delle diverse confessioni non si concorressero. Joseph non era che un ragazzo di 14 anni quando spinto dal desiderio di conoscere la volontà di Dio al suo riguardo, decise di chiedere direttamente a Dio quale confessione fosse giusta. Lesse questo versetto nel libro di Giacomo che dice: "Se uno di voi manca di sapienza, la chiegga a Dio che dona liberalmente senza rinfacciare, e gli sarà donata. Ma chiegga con fede." Questo versetto lo colpì e Joseph si accorse che o doveva rimanere nel buio, o doveva chiedere a Dio come indicava la scrittura. Un giorno nella primavera si 1820, Joseph uscì da casa e si dirigeva verso un vicino bosco con quella domanda in mente: a quale chiesa si doveva unire. Una volta arrivato al posto dove aveva deciso di recarsi, si inginocchiò e cominciò ad offrire a Dio i sentimenti del suo cuore. Nelle sue parole descrivo quello che gli successe: Io vidi esattamente sopra la mia testa una colonna di luce più brillante del sole che discese gradualmente fino a che cadde su di me. Quando la luce stette su di me io vidi due personaggi il cui splendore e la cui gloria sfidano ogni descrizione ritti sopra di me nell'aria. Uno di essi mi parlò, chiamandomi per nome, e disse indicando l’altro: Questo è il mio Figlio diletto. Ascoltalo!” Joseph fu visitato da Dio e il suo figlio Gesù. Gli hanno detto che non esisteva la vera chiesa di Gesù Cristo sulla terra, che era stata persa con la morte di Gesù e degli apostoli. Gli hanno detto che avevano un'opera da fargli compiere, e che tramite questo ragazzo avrebbero restaurato la loro chiesa sulla terra, e che Joseph sarebbe diventato un profeta - un Mosè ai nostri giorni. Che benedizione!

Quale tra gli insegnamenti del Salvatore ti ha influenzato di più nella tua vita?

L'insegnamento che mi ha influenzato di più è il servizio altruistico. Quando si vive per sé, si ha una vita dura e difficile. Quando si prende cura di sé ma si vive per altre persone, allora si ha una vita facile, piena d'amore, e piena di Gioia. Ci sono tanti esempi nelle scritture - specialmente nel Libro di Mormon - della gioia che si prova aiutando le altre persone. Dio avrebbe potuto metterci sulla terra uno ad uno, soli, senza famiglia ed amici. Avrebbe potuto "metterci alla prova" e tutto quanto... ma no... Dio voleva che provassimo gioia, che imparassimo ad amare il prossimo e ad aver pazienza con le persone che ce l'hanno con noi. In effetti voleva che noi sviluppassimo e crescessimo e diventassimo migliori e provassimo gioia facendo tutto ciò. Ringrazio Dio per avermi dato una famiglia e degli amici ai quali voglio un mondo di bene. Quando serviamo il nostro prossimo serviamo Dio perché siamo tutti i suoi figli. Dio ci ama. Quando serviamo le altre persone proviamo l'amore che Dio ha per loro.

Che cosa stai facendo per rafforzare la tua famiglia e per garantirne il successo?

Sono un'uomo normale. Ho la laurea in canto, e il masters in composizione musicale. Ho voluto fare tutti quest'anni a scuola affinché io potessi afferrare un buon lavoro con il quale avrei potuto sostenere la mia famiglia. Crediamo che l'intelligenza che otterremo qui sorgerà con noi nella risurrezione, e che noi abbiamo il dovere di condividere la nostra conoscenza per edificare l'un l'altro ed il Regno di Dio. Credo che Dio vuole che diventiamo autosufficienti perché questo ci mette in posizione di aiutare gli altri. Questo ci fa crescere. Inoltre, ci fa capire il nostro Padre Celeste che ci aiuta sempre. Nonostante Dio voglia che diventiamo autosufficienti, non possiamo permetterci di diventare orgogliosi o di pensare di cavarcela da soli. Siamo tutti dipendenti da Dio per tutto quello che abbiamo. Oltre a ricevere l'istruzione a scuola, possiamo ricevere l'istruzione e aiuto leggendo Il Libro di Mormon e la Bibbia, e ascoltando la voce del profeta vivente. Se noi, spiritualmente, metteremo i principi spirituali in pratica nelle nostre famiglie e nelle nostre case, potremo goderci del bel sentimento che ci fa sentire puri, felici, e caritatevoli. Io so che l'obbedienza ai princìpi di Dio, porta la vera felicità duratura.

Ti invitiamo a condividere i tuoi sentimenti/la tua testimonianza sulla restaurazione del Vangelo.

Vorrei dire che io so che il vangelo di Gesù Cristo è stato restaurato. Ai nostri giorni Dio ha chiamato un profeta, ha fatto venire alla luce il Libro di Mormon, e mantiene tutte le sue promesse che ha fatto ai popoli di antichità. La restaurazione vuol dire che la Chiesa che Gesù stabilì 2.000 anni fa è di nuovo fra noi. Vuol dire che per un certo periodo fu persa. Tutto questo fu profetizzato nella Bibbia; bisognerebbe studiarla. La restaurazione vuol dire che Dio ci ama. La restaurazione vuol dire che c'è una guida profetica sulla terra oggi. Dio non ci lascia soli. Per capire la restaurazione del vangelo, si deve conoscere la bibbia e leggere il Libro di Mormon. Ma per udire la vocina dello Spirito Santo o sentire l'amore di Dio, non ci sono prerequisiti. Dio ti ama. Studia quanto puoi. Chiedi aiuto al tuo Padre Celeste. Ti risponde nel suo tempo e in modo suo, ma risponde sempre. :)

Pensa alle tue attività quotidiane. Quali sono le cose in cui ti impegni quotidianamente senza poter vedere dall’inizio il risultato finale? In che modo la fede ti spinge all’azione?

Mi sveglio e vado a scuola. Non penso sempre al risultato ma so che se ci vado avrò maggiori opportunità di lavorare e di provvedere alle necessità della mia famiglia futura. Mi impegno di leggere le scritture e di frequentare il tempio e so che facendo così imparo di più e si rafforza la mia testimonianza del vangelo. Io compongo la musica. E' il mio lavoro. Lo faccio quotidianamente. All'inizio, non vedo come sarà. Ho fede che con l'aiuto della mia mano potrà diventare qualcosa di bello. All'inizio non sono che suoni ma alla fine diventa musica. All'inizio di seguire la strada del vangelo, ci saranno tanti ostacoli - voci che ti dicono di tornare in dietro e che non vale la pena. E' normale vedere questi ostacoli, ed è normale che ci sia qualcuno che voglia impedirti di seguire la strada. Non ti preoccupare. Hai la fede e la speranza del Signore. Lui ti ama. Ti darà l'aiuto che ti serve. Se non riesci a vedere il risultato finale, sappi che è bello e che vale la pena. Forse ora senti qualche suono, qualche nota, ma impegnati e fra poco ti godrai della musica di una bella sinfonia. Il vangelo è così. Si impara linea su linea precetto su precetto. Dio ti ama. Che tu possa riconoscere la sua mano nella tua vita e che tu possa avere fede in lui, io spero molto.

Come vivo la mia fede

Cerco di trattare ogni mio amico con rispetto ed amore. So di non essere né migliore né peggiore di nessuno. Cerco di avere fede nell'umanità proprio come Dio. Se Dio non avesse fede in noi, non ci avrebbe mandato qui.