mormon.org Italia

Opera missionaria

Una chiesa missionaria

Immagina di aver trovato la cura per il cancro. Con quanta sollecitudine diffonderesti la notizia della tua scoperta? A chi lo diresti? Il vangelo di Gesù Cristo è la cura per così tante malattie della vita che i mormoni vogliono condividere la buona novella della vita eterna con la medesima sollecitudine.

La Chiesa del Signore è sempre stata una chiesa missionaria. La vita di Gesù Cristo fu un esempio perfetto di opera missionaria. Durante il Suo ministero sulla terra, Egli insegnò il Vangelo in ogni occasione, in ogni luogo e a tutti i tipi di persone. Gesù insegnò agli uomini dotti nel tempio, ai peccatori, ai fedeli e agli increduli. Inoltre, Egli chiamò gli apostoli e altri discepoli per predicare il Vangelo in modo che molte più persone potessero venire a conoscenza della benedizioni del Suo vangelo. La maggior parte del proselitismo durante la vita di Cristo fu fatta tra la loro gente, gli Ebrei. Dopo la Sua resurrezione, Gesù fece visita ai Suoi apostoli e li mandò a predicare ai Gentili. Egli dette loro questo comandamento: “Andate per tutto il mondo e predicate l’evangelo ad ogni creatura” (Marco 16:15).

Perché i mormoni mandano i missionari in tutto il mondo

Il fatto che i mormoni facciano lavoro missionario è una delle caratteristiche della Chiesa maggiormente riconosciute. In questo momento, decine di migliaia di missionari sono in giro per il mondo a piedi, in bicicletta o in macchina, regalando copie del Libro di Mormon e condividendo il Vangelo con le persone che incontrano. Perché queste persone, che per la maggior parte hanno meno di 25 anni, lasciano volontariamente le loro case e a proprie spese dedicano un periodo della loro vita a predicare il vangelo di Gesù Cristo?

Il Signore ha detto: “proclam[a] il mio Vangelo di paese in paese e di città in città… porta testimonianza in ogni luogo, ad ogni popolo” (Dottrina e Alleanze 66:5,7). Abbiamo a cuore questo comandamento e siamo alla ricerca di opportunità per condividere più che possiamo le benedizioni che abbiamo ricevuto dal mettere in pratica il Vangelo. Gesù insegnò: “Se uno non è nato d’acqua e di Spirito, non può entrare nel regno di Dio” (Giovanni 3:5). Sapendo che certe ordinanze, come il battesimo, sono indispensabili per tornare a vivere con il Padre Celeste, sentiamo la necessità impellente di condividere questa benedizione con chiunque. Il nostro scopo principale come Chiesa — è che quanti più figlioli degli uomini possibili siano salvati e raggiungano l’esaltazione. Mentre lavoriamo alla nostra salvezza, vogliamo aiutare chi ci circonda a fare lo stesso. Poiché siamo tutti figli e figlie del nostro Padre Celeste, meglio riusciremo a capire e a osservare i Suoi comandamenti e a godere della vita eterna, più felici saremo.

Che cosa fanno i missionari

La maggior parte dei missionari della Chiesa hanno circa vent’anni, sebbene anche molti membri si offrano volontari per servire dopo essere andati in pensione. Tutti i potenziali missionari inviano le richieste alla sede centrale della Chiesa e ricevono una chiamata per recarsi in una missione specifica ovunque nel mondo. Trascorrono qualche settimana in un centro d’addestramento dove alcuni di loro imparano una nuova lingua e tutti studiano meticolosamente e fanno pratica a insegnare il Vangelo. Poi vengono mandati nei luoghi a cui sono stati assegnati e iniziano a servire. La vita dei missionari è completamente dedicata alla condivisione del vangelo di Gesù Cristo. Essi si assumono tutte le spese e posticipano gli impegni scolastici, la vita privata e il lavoro per due anni per concentrarsi interamente a compiere l’opera del Signore.

Una tipica mattinata per un missionario consiste nello svegliarsi alle 6:30, studiare le Scritture e incontrare persone nuove con cui condividere il Vangelo. Il pomeriggio potrebbe riservare attività come presentare le lezioni sul Vangelo alle persone incontrate e offrire servizio volontario nella comunità. Una buona serata vede i missionari impegnati a insegnare il Vangelo a chi è interessato, ad aiutare tali individui a imparare e a osservare i comandamenti di Dio oppure a partecipare a un servizio battesimale di chi ha deciso di unirsi alla Chiesa. Rientrano a casa intorno alle 21:30 e vanno a dormire, solitamente esausti e felici.

Ogni membro un missionario

Non sono solo i nostri missionari a tempo pieno a condividere il Vangelo. Poiché crediamo che il vangelo di Gesù Cristo sia la via verso la vera felicità, vogliamo farlo sapere quanto più possibile ad amici e familiari. Noi crediamo, come ha insegnato Paolo nel Nuovo Testamento, che dobbiamo essere

Ovviamente la testimonianza più convincente è la vita felice di una persona che vive secondo gli insegnamenti di Cristo, ma crediamo anche che condividere le nostre esperienze personali con gli altri sia un ottimo modo per invitarli a imparare a conoscere meglio Gesù Cristo.

Condividere il Vangelo, però, non è sempre facile. Molti di noi temono di offendere i propri amici, di sembrare aggressivi o di dire cose che potrebbero essere interpretate male. Prendiamo il coraggio a due mani e proviamo a fare del nostro meglio per trovare un modo per parlare di quanto sia importante per noi il Vangelo pur rispettando le scelte e il credo degli altri. Siamo entusiasti quando gli amici prendono parte alla nostra gioia di vivere il Vangelo. Ciò può accadere se prendono parte alle riunioni della Chiesa e alle attività durante la settimana, e incontrano i missionari per parlare di come il Vangelo può benedire la loro vita. Se vuoi rendere felice un mormone, chiedigli se puoi andare nella sua Chiesa. Tuttavia, noi amiamo i nostri amici a prescindere dal fatto che essi accettino o meno gli insegnamenti della nostra Chiesa.

Insegniamo di Gesù Cristo

I missionari insegnano una sola cosa - il vangelo del nostro Salvatore, Gesù Cristo. Come Nefi, “noi parliamo di Cristo, gioiamo in Cristo, predichiamo il Cristo, profetizziamo di Cristo e scriviamo secondo le nostre profezie affinché i nostri figlioli possano sapere a quale fonte possono rivolgersi per la remissione dei loro peccati” (2 Nefi 25:26). Potrebbe sembrare strano concentrare una così grande porzione della nostra vita su Gesù Cristo, ma la saggezza del Vangelo si applica a qualsiasi cosa, dallo scopo della vita al modo in cui affrontiamo il nostro lavoro, a come ci rapportiamo con gli altri e, persino, a come ci prendiamo cura del nostro corpo. Gli insegnamenti di Gesù Cristo hanno più potere di portare una felicità duratura di tutto il successo e il piacere che il mondo può offrire. Ogni messaggio che i missionari mormoni condividono è imperniato su di Lui e su come la Sua Espiazione e le Sue ordinanze ci consentono di tornare a vivere con il nostro Padre Celeste e con la nostra famiglia in cielo.

Missionari in giro per il mondo

Cinquantaduemila missionari stanno ora servendo in 350 missioni nel mondo. Fanno proselitismo in ogni nazione in cui il governo e il clima politico lo consentono. Molti missionari finiscono per amare le regioni in cui servono al punto tale che diventa più difficile per loro tornare a casa alla fine della loro missione di quanto sia partire. Tornano a casa come ambasciatori informati della cultura e delle nazioni in cui hanno servito.